Quasi 3mila alberi e 4 nuovi parchi in arrivo a Sermoneta

Quasi 3mila alberi e 4 nuovi parchi in arrivo a Sermoneta
Condividi

Quasi tremila alberi da piantumare in 22 aree diverse del territorio comunale di Sermoneta, suddivise in sette macrozone, con la creazione anche di quattro nuove aree verdi. È in sintesi il contenuto dell’ambizioso progetto presentato dall’Amministrazione comunale di Sermoneta guidata dal sindaco Giuseppina Giovannoli e finanziato dalla Regione Lazio nell’ambito dell’iniziativa “Ossigeno”. Si tratta del terzo progetto a livello regionale con il punteggio più alto. Il progetto per il potenziamento della biodiversità urbana è frutto di un lavoro di squadra dell’amministrazione comunale, con l’assessore Gabriele Menossi e il consigliere delegato all’ambiente Bruno Bianconi, insieme ai tecnici comunali e al dottore agronomo del Comune di Sermoneta Andrea Nicotra. Le aree individuate ono lotti di varie dimensioni, di proprietà comunale, collocati sia su strada, presso i parcheggi, nei parchi pubblici e all’interno delle scuole, oltre – come detto – alla nascita di quattro nuovi parchi pubblici in aree attualmente degradate e che diventeranno punti di riferimento per la cittadinanza, con piante e arredi. Sono decine le tipologie di alberi e cespugli selezionati, tutti tipici della zona e inseriti nel loro contesto naturale. Il progetto è già pronto e cantierabile non appena la Regione Lazio espleterà tutte le formalità. «Si tratta di una vera e propria rivoluzione ambientale che ha l’obiettivo di rendere più verde il nostro territorio- spiegano Menossi e Bianconi – e nel contempo combattere l’inquinamento ambientale nel rispetto del Piano di Azione per l’energia sostenibile e il clima approvato nei mesi scorsi dal Consiglio comunale, che prevede l’abbattimento del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2030. Ma non solo: il progetto vuole anche incentivare la collaborazione tra l’amministrazione e i cittadini per assicurare la manutenzione degli alberi, e offrire opportunità di conoscenza e studio alla comunità scolastica».


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.