“Maggio Sermonetano” arriva a Luglio

Una 25esima edizione del “Maggio sermonetano” particolare e spostata a luglio, a causa dell’emergenza coronavirus, ma rappresenta comunque un appuntamento imperdibile per tutti gli amanti e appassionati di cultura e musica. L’organizzazione è a cura dell’associazione Maggio Sermonetano, direttore artistico Massimo Gentile, con il sostegno del Comune di Sermoneta.  Palcoscenico delle manifestazioni, che si snoderanno dal 17 al 26 luglio, saranno i vicoli e le piazze di Sermoneta, il borgo medievale in provincia di Latina perfettamente conservato.In questo palcoscenico d’eccezione si alterneranno musica, arte, scultura, poesia, teatro: anche quest’anno il Maggio Sermonetano sarà in “trasferta” sul Fiume Cavata. Si parte questo pomeriggio alla chiesa di San Michele con “Il gioco e il gioco in terapia” con le

Gnut

associazioni impegnate nel sociale, che esporranno le loro attività nei vicoli del centro storico per tutto il fine settimana.
Sempre nel centro storico, collettiva d’arte “Odissea contemporanea 2020”, la “liuteria a Sermoneta” e la personale di pittura di Alessandro Duprè, artigianato artistico.
Sabato 18 alle 20.30 in piazza Santa Maria “Quartetto D’Erme”, ritmi e canti della tradizione popolare. Domenica 19 alle 20.30 al Belvedere concerto “L’orso ‘nnammurato” con Gnut, cantautore folk napoletano.
Si riprende sabato 25 con gli spazi espositivi aperti in tutto il centro storico, mentre alle 18 sul fiume Cavata “Sorgenti di musica”, Rita Tumminia e la sua musica del centro sud Italia. Previsto un percorso in canoa o a piedi per adulti e bambini (A cura di Fiume Cavata e Cavata Flumen. Info e prenotazioni 3475839060).
Domenica 26 luglio alle 18 in piazza del Popolo “Jazz in piazza”con Michele Villari, Flavio Bertipaglia e Paolo Mignosi. In piazza San Lorenzo “arteterapia e musica”, alle 19 in piazza Santa Maria concerto della banda musicale Fabrizio Caroso di Sermoneta diretta dal M° Michele Secci. Infine alle 20.30 al Belvedere concerto “Un soffio nel vento”, concerto dedicato ad Aldo Bassi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *