Libri: “La Vittoria che nessuno sa”

È in libreria “La Vittoria che nessuno sa” (Sperling & Kupfer), di Vittoria Schisano e Angela Iantosca, un racconto-confessione che svela i sogni e i timori infantili, le fughe, le lacrime, lo smarrimento di sentirsi donna mentre lo specchio riflette l’immagine di un uomo. La difficile scelta di abbandonare i compromessi e le ipocrisie per diventare ciò che è sempre stato. SINOSSI
Giuseppe ama la sua famiglia e la sua terra, la Campania, ma ha due buone ragioni per abbandonarle: la passione per il teatro e un segreto che non può confessare a nessuno, neanche a se stesso. Così si trasferisce a Roma dove inizia a studiare recitazione e ad ascoltare il suo corpo e la sua anima. Giuseppe crede di essere omosessuale, eppure non è quella la risposta alla sua inquietudine. Un lungo e tormentato cammino lo porta alla decisione di cambiare sesso. Dopo mesi di cure, nel novembre del 2013 nasce Vittoria.
“La Vittoria che nessuno sa” è un libro autentico e appassionato sulla fatica di vivere di chi nasce “diverso”
Vittoria Schisano è nata a Pomigliano D’Arco con il nome di Giuseppe. Nel 1998 si è trasferita a Roma per studiare recitazione. Ha esordito in tv con Lando Buzzanva. Nel 2010 ha ricevuto il premio Oscar dei Giovani, nella categoria spettacolo, come miglior attore esordiente. Nel 2011 ha cominciato il percorso per cambiare sesso. È la prima donna ad aver effettuato un percorso di transizione a cui è stata dedicata una copertina di Playboy.
Angela Iantosca, giornalista e scrittrice, collabora con diverse testate. Ha pubblicato due saggi-inchiesta: “Onora la madre – storie di ’ndrangheta al femminile” (Rubbettino, 2013) e “Bambini a metà – i figli della ’ndrangheta” (Perrone, 2015), con il quale è stata finalista del Premio Piersanti Mattarella 2016 e vincitrice del Premio Speciale Onlus Memoria nel Cuore. È stata insignita del Premio Nazionale Olmo 2016. Dal 2014 è ambasciatrice del Telefono Rosa Frosinone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *