Il Teatro Amatoriale a Priverno

Il Teatro Amatoriale a Priverno
Condividi

A chiusura di “Teatro Aperto”, da giovedì 25 a domenica 28 novembre, si alterneranno sul palco del Teatro Comunale quattro compagnie di teatro amatoriale, per dare spazio anche alla cittadinanza e ad alcune realtà non professionali, ma molto importanti e attive nel territorio.

Giovedì 25 novembre alle ore 21.00  si comincia con lo spettacolo “Pinocchio. Fiaba nera” della compagnia Neurone Specchio, con Francesca Del Carmen e Gianni Vitarelli, voce narrante Angelo De Nardis, al pianoforte Carmine Pongelli, alla consolle Skullface91. Neurone Specchio lavora spesso sulla dissacrazione e il ribaltamento dell’interpretazione delle favole e stavolta ha messo mano all’opera più famosa di Collodi, Pinocchio, gridando al proprio pubblico che non è una favola per bimbi, anzi… Lo spettacolo percorre i luoghi e le atmosfere di quei sogni e di quegli incubi causati della fiaba di Collodi.

Venerdì 26 novembre alle ore 21.00 sarà la volta di “Questo corpo. Voci di donne”, uno spettacolo  della compagnia Diritto&Rovescio, con Marina Martini, Letizia Giorgi, Cristina Giorgi, Simona Giorgi, Alba De Vincenzo, Ilaria Guarnacci, Elisa Pucci, Mauro Guarnacci. É un viaggio attraverso le donne e il loro corpo, passando dal dramma allo humour, tra parole, versi e note. Si parla di dolori, di stereotipi di genere, di confessioni, di figli, di ribellioni e di ironie salvifiche. Storie di bambine, di graziose, di madri, di vittime del presunto amore, di femme fatale, di veneri attempate e di principessine ribelli. In occasione della “Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne”, è uno spettacolo che vuole rendere omaggio alla bellezza e alla fatica dell’essere donne.

Sabato 27 novembre alle ore 21.00 andrà in scena la commedia dialettale “Fb_Forever(e)” di Anna Maria Scampone, interpretata dal gruppo teatrale Purpurin di Priverno. La storia è imperniata sui personaggi di Tuta e Pasquale, una coppia di anziani coniugi che, per essere al passo coi tempi e, soprattutto per cercare marito alle due figlie, si iscrivono a Facebook. Nel giro di pochi giorni, Tuta si fa fagocitare dal social e anche Pasquale sembra averci preso gusto, soprattutto perché ha perso la testa per una donna, ma quello che non sa è che si è invaghito di un profilo fake…tante risate e divertimento assicurato!

Domenica 28 novembre alle ore 18.00 chiude la rassegna lo spettacolo “La legge è uguale per tutti. Se le sapeva n’è faceva” di Alba Marteddu, con la regia di Rosella Tacconi, e gli interpreti della compagnia Giù la maschera al suo debutto a Priverno. Una commedia in tre atti che narra le vicende tragicomiche di una famiglia in procinto di maritare una figlia.

L’iniziativa “Teatro Aperto”,  ideata e diretta da Matutateatro, finanziata dalla Regione Lazio, da settembre ha ospitato presso il Teatro Comunale di Priverno diversi eventi, tutti tesi alla promozione culturale e artistica, con spettacoli teatrali dal vivo, concerti, reading, incontri con autori, corsi di formazione artistica, rassegne cinematografiche ed altro.
Gli eventi si svolgeranno nel rispetto dei limiti posti dalle misure di contenimento della diffusione epidemiologica da SARS-CoV-2 vigenti.

Prenotazione obbligatoria ai numeri 3286115020-3291099630.
Biglietto d’ingresso: € 5.


Condividi