A Borgo Sabotino la nona edizione della Festa della trebbiatura

A Borgo Sabotino la nona edizione della Festa della trebbiatura
Condividi

L’associazione culturale “Insieme per…” organizza la nona edizione della Festa della trebbiatura, come sempre, il programma che porterà Borgo Sabotino indietro nel tempo per quattro giorni, è molto intenso. Alla fine dei lavori di trebbiatura, intere famiglie si ritrovavano per una grande festa con balli, canti, tavole imbandite e buon vino, ed è in quell’antico spirito ritrovato che prenderanno il via i festeggianti a cominciare da giovedì 25 luglio alle 19.00 quando, nell’area della festa, si terrà un incontro con le famiglie dei bonificatori. I nonni racconteranno la storia di borgo Sabotino dai primi anni trenta ad oggi, guidati dalla giornalista Dina Tomezzoli. Subito dopo, si terrà la presentazione del libro “Latina, i Borghi Marinari” di Rita Calicchia, all’incontro sarà presente l’autrice. La serata proseguirà a tavola, con il piatto del giorno e l’imperdibile torneo di briscola. Venerdì 26 luglio, nel tardo pomeriggio si disputerà, l’ormai consueto, incontro di calcio fra i ragazzi dell’associazione Nuova Era e i rappresentati dell’associazione Insieme Per… Si proseguirà con i giochi popolari, poi tutti a tavola accompagnati dalle note dell’orchestra spettacolo “Ballo Ballo”. Sabato 27 luglio, si comincia alle 17.00 con l’esibizione dell’associazione Cavalcanti dell’Agro Pontino che, con il loro carosello, ci riporteranno ai tempi della bonifica. Alle 18.00, sempre nell’area della festa, si terrà una tavola rotonda sui benefici apportati all’agricoltura, con l’esposizione delle teorie e delle ricerche effettuate da Nazzareno Strampelli, nel corso della tavola rotonda sarà consegnato il premio “Il Grano Dorato”. La serata proseguirà con l’esibizione dell’orchestra spettacolo “Le stelle del liscio”. Domenica 28 luglio dopo la santa messa, in occasione dell’ottantesimo anno di fondazione del borgo, l’associazione “Highway Club Six” sfilando in parata con le automobili militari d’epoca e, accompagnati dalla Fanfara dei Bersaglieri di Roma, depositeranno una corona d’alloro ai piedi del monumento dei caduti del borgo, per omaggiare i caduti di tutte le guerre.  Trebbia dall'altoAlle 11.30 Don Giuseppe Quattrociocchi ufficializzerà l’apertura della rievocazione con la benedizione dei veicoli, alla presenza del Sindaco di Latina On. Giovanni Di Giorgi e delle autorità politiche del Territorio che, come ogni anno presenziano all’apertura della manifestazione.Alle dodici e trenta, com’è d’uso in campagna, si procederà con il Pranzo nell’aia, aperto a tutti, mezze maniche ai funghi porcini, spezzatino di manzo, fagioli e cotiche. Nel primo pomeriggio, sfilata d’auto d’epoca, i giochi di un tempo e l’arrivo della mortadella da guinness, quattro quintali di mortadella da vedere e da gustare. Seguirà la rievocazione storica della trebbiatura e dell’aratura. La trebbiatura sarà rappresentata esattamente come la tradizione richiede. La trebbia, che ha più di 90 anni, lavora ancora perfettamente radunando attorno a se i “contadini”. Con i sistemi e le attrezzature tipiche di alcuni decenni fa, gli abitanti di Borgo Sabotino faranno rivivere uno dei momenti più emozionanti della cultura contadina. La conclusione della trebbiatura era un momento di festa perché, dopo un anno di fatiche e sacrifici, si disponeva finalmente del tanto atteso raccolto, si potevano riempire i granai, comprare le carni, riparare gli attrezzi, acquistare i concimi e ferrare i buoi. Seguirà l’aratura dei campi con i trattori dell’epoca. La serata vedrà sul palco l’orchestra spettacolo “La Banda del Cuore” e si chiuderà con un fantastico spettacolo pirotecnico. La manifestazione sarà presentata da Dina Tomezzoli. Un tempo tutti i contadini delle fattorie vicine erano presenti alla trebbiatura era normale aiutarsi a vicenda, mancare sarebbe stato un segno di inimicizia, uno sgarbo brutale, quasi una dichiarazione di guerra… VI ASPETTIAMO !!

!


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.