Roma:“La donna e i cereali: i semi della vita”

Dal 9 al 12 giugno 2015 torna “Cerealia. La Festa dei Cereali. Cerere e il Mediterraneo”, il festival culturale dedicato al mondo dei cereali, promosso da M.Th.I. e ArcheoClub d’Italia sede di Roma, in collaborazione con l’Ambasciata della Repubblica di Croazia in Italia, l’Ente del Turismo Croato in Italia, Casa Croata. Il festival è patrocinato dall’Expo Milano 2015 ed incluso tra le manifestazioni promosse da Expo Lazio 2015. Tra i patrocini istituzionali ricevuti anche quello della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco e del Ministero degli Affari Esteri, Ministero dello Sviluppo Economico, MiBACT. Cerealia ha avuto inoltre il riconoscimento della “EFFE Label 2015/2016” (Europe for Festivals, Festivals for Europe). Manifestazione dal respiro internazionale con un focus particolare sul Mediterraneo, ogni anno Cerealia è dedicata a un paese diverso al fine di valorizzare lo scambio interculturale. Ospiti delle precedenti edizioni sono stati Egitto, Turchia, Grecia e Cipro. Tema di questa quinta edizione IMG_4521è: “la donna e i cereali: i semi della vita”. Cultura, ambiente, territorio, società, economia, alimentazione e turismo, sono le tematiche affrontate dal festival attraverso seminari e convegni, performance, degustazioni, mostre, visite guidate e laboratori. Cerealia è un festival diffuso e l’edizione 2015 si articola con iniziative in anticipazione del programma presentate in diversi Musei e siti archeologici di Roma. Tra questi: Capo di Bove, l’Ara Pacis Augustae (il 9 giugno per la cerimonia ufficiale di apertura), il Museo di Porta S. Paolo e l’area archeologica della Piramide di Caio Cestio, gli scavi di Ostia Antica. Ospitano attività anche spazi della ristorazione, quali Chinappi, Pasta Asciutta, Bibliothè e OneDayChef; enti di formazione come il Centro Studi CTS e il Gustolab International Institute for Food Studies. Altri eventi si svolgeranno al Mercato Contadino di Campagna Amica al Circo Massimo, al Mercato Contadino di Capannelle, alla Domus Romana e al Teatro Sala Uno. Ricco è il programma dedicato alla Croazia con due importanti mostre fotografiche, seminari, concerti, presentazioni di libri e video, degustazioni e laboratori di cucina tradizionale. Ad impreziosire il lungo elenco degli eventi anche incontri e show cooking dedicati non solo alla pasta, piatto principe della tavola italiana, ma anche al riso, al mais e ai cereali minori. In scaletta, per la prima volta, seminari rivolti agli agronomi e ai professionisti della comunicazione. Fondamentale per l’edizione 2015 di Cerealia, il consolidarsi della collaborazione con il Gustolab International Institute for Food Studies e la partnership con altri due master specialistici: quello in Turismo Culturale ed Enogastronomico del Centro Studi CTS e quello in Cultura dell’Alimentazione e delle Tradizioni Enogastronomiche del BAICR Cultura della Relazione, realizzato in convenzione con l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata. In tutto 46 eventi che oltre a Roma, come negli anni passati, coinvolgono anche altri territori di Lazio (Artena 31 maggio, Ariccia 6 giugno, Tarquinia 9-10-11 giugno), Calabria (Vibo Valentia 9/12 giugno), Veneto (Altino 20 giugno), Umbria (Gualdo Cattaneo 21 giugno), Puglia (Bovino 16 maggio, Minervino Murge 18/20 settembre). Nell’anno dell’Expo, i promotori e partner di Cerealia mirano così ancora una volta a valorizzare la riscoperta dei territori e salvaguardare l’importanza della terra e delle culture autoctone. Un’occasione per tracciare il legame tra il luogo di produzione e la tavola del consumatore, riportando in vita anche usi e costumi antichi fondati sul rispetto della terra e dei suoi frutti, al fine di creare una catena virtuosa che contribuisca a diffondere una cultura di condivisione delle esperienze e favorisca un turismo più attento (ai beni culturali, all’ambiente,all’enogastronomia). La qualità della vita diventa così per Cerealia il perno centrale sul quale far ruotare scelte sostenibili che riguardano il mondo del biologico e della produzione locale di eccellenza. Gli organizzatori di Cerealia, insieme al Mercato Contadino Castelli Romani e Capannelle, dedicano questa edizione al mugnaio Silvio Paoselli, che ha sacrificato la vita per difendere il suo mulino e la sua dignità. Un doveroso ringraziamento, infine, a tutte le organizzazioni e istituzioni che hanno aderito a Cerealia 2015, senza il cui contributo e partecipazione la Festa dei Cereali non sarebbe possibile. Il programma dettagliato è disponibile sul sito del festival: www.cerealialudi.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *