Massimo Scaccabarozzi e la JC Band a Roma in concerto per Diabete Ricerca Onlus

Concerto JC Band Diabete Ricerca

Tutto pronto per l’appuntamento con la beneficenza a ritmo di musica rock con Massimo Scaccabarozzi e la JC Band in concerto, con Ingresso Libero, a sostegno di Diabete Ricerca Onlus, giovedì 23 novembre alle 21.00 alla discoteca Planet in via del Commercio 36 a Roma. Una serata speciale con una cover band che vanta oltre 100 concerti tra l’Italia e l’estero, dedicata a una Onlus nata nel 1999 per volere della Società Italiana di Diabetologia (SID), la società scientifica impegnata da oltre cinquant’anni in ricerca, formazione e divulgazione in ambito diabete. Un’organizzazione non lucrativa e di utilità sociale inizialmente conosciuta come Fondazione Diabete Ricerca della SID (FO.RI.SID) e dal 2012 come Diabete Ricerca Onlus. La sua mission è promuovere la ricerca scientifica in diabetologia, contribuendo a migliorare l’aspettativa e la qualità di vita di gran parte delle persone affette da diabete. È convinzione di Diabete Ricerca, infatti, che sia necessario fare di più per accorciare i tempi di sviluppo delle nuove terapie, così da arrivare a rispondere a tutte le esigenze non ancora soddisfatte dei pazienti, anche sensibilizzando attraverso iniziative sociali e benefiche, come conferenze, eventi o concerti. «La ricerca è ispirazione, creatività, ritmo, coinvolgimento, divertimento e dono agli altri – ha affermato il professor Enzo Bonora, Presidente di Diabete Ricerca Onlus -. Assomiglia molto alla musica rock. Il diabete è lento. La ricerca è rock». La JC Band, il gruppo rock che si esibisce dal 2008, è interamente composta da dipendenti Janssen Italia, guidati dal frontman Massimo Scaccabarozzi, voce e chitarra, Presidente e Amministratore Delegato di Janssen Italia e Presidente di Farmindustria. Insieme a lui, si esibiscono i musicisti-colleghi: Maurizio Lucchini al basso, Orazio Zappalà e Francesco Mondino alle chitarre elettriche, Antonello Caravano alle tastiere e Antonio Campo alla batteria. «Io e la JC Band siamo di nuovo a Roma per una serata all’insegna della musica e del divertimento a sostegno, ancora una volta, di un’importante realtà come Diabete Ricerca che ogni anno contribuisce all’avanzamento della ricerca di terapie sempre più risolutive per una malattia altamente diffusa come il diabete – ha commentato Massimo Scaccabarozzi -. Una condizione definita, insieme alle malattie cardiovascolari e all’obesità, un “problema di salute del 21° secolo” perché in forte crescita, soprattutto negli ultimi anni. Noi di Janssen siamo impegnati da sempre non solo a ricercare e sviluppare trattamenti innovativi che possano realmente soddisfare bisogni clinici ancora insoddisfatti, ma anche in iniziative di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e raccolta fondi per chi ne ha più bisogno». Il repertorio musicale, offerto a Roma il prossimo 23 novembre, ripercorrerà le migliori performance del Gruppo sin dalla sua nascita. Si partirà da una serie di pezzi storici di autori del panorama rock nazionale e internazionale come Vasco Rossi, Luciano Ligabue, John Lennon, Eric Clapton, per arrivare al re-make, in versione rock, di brani storici degli anni ’60 e ‘70. Ad oggi, la band ha all’attivo la pubblicazione, a scopo benefico, di cinque CD di cover quali “Rock song is a love song” I, II, il live 2011, la Gold Edition 2013 e l’ultimo “Eh già …Love song is a Vasco Song” inciso a dicembre 2015, che comprende unicamente brani del repertorio storico e recente di Vasco Rossi. «Riuscire a conciliare buona musica rock con una nobile causa come il finanziamento alla ricerca sul diabete è molto gratificante – ha affermato il professor Giorgio Sesti, Presidente della Società Italiana di Diabetologia -. Ci auguriamo che la partecipazione sia massiva».

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>